Gli omogeneizzatori a ultrasuoni: come funzionano, pro e contro, chi li produce

L'omogeneizzazione ad ultrasuoni è un processo meccanico finalizzato a ridurre le piccole particelle in un liquido in modo che diventino uniformemente piccoli e uniformemente distribuiti. L'omogeneizzazione ad ultrasuoni è molto efficiente per la riduzione delle particelle sia dure che molli e trova impiego, proprio per le sue alte prestazioni tecnologiche, diversificato in differenti settori: dall'ambito alimentare all'ambito medico ed in genere sanitario (ma anche estetico), sia per l'uso civile che per quello industriale.

Questo perchè le applicazioni di questa tecnologia sono praticamente infinite e le applicazioni degli ultrasuoni sono oggetto di continue e sempre più evolute ricerche soprattutto nel campo delle strumentazioni mediche. Si stima, pertanto, che la produzione di apparecchi per l'omogeneizzazione ad ultrasuoni (spesso abbinati a compressori ad aria) sia in continua espansione; ma diamo uno sguardo al mercato e ai principali produttori:

(1) Three Es, azienda lombarda leader del mercato produce omogeneizzatori a ultrasuoni industriali sfruttando, rispetto alle tecnologie tradizionali, una tecnologia di miscelazione innovativa e brevettata (SPR™) che produce dispersioni molto uniformi e omogenee. Un tale tecnologia assicura risparmio energetico, flessibilità di produzione (poichè le onde d'urto ultrasoniche di cavitazione favoriscono la rapida ed efficace pulizia delle superfici interne del reattore) e manutenzione ridotta del tutto assimilabile a quella di una tradizionale pompa centrifuga, la quale prevede la sostituzione delle tenute meccaniche e dei cuscinetti mediamente entro due anni. I dispositivi prodotti da Three Es sono robusti, semplici, efficienti e tecnologicamente avanzati.

(2) Sartorius (www.sartorius.it) è un'azienda che produce omogeneizzatori a ultrasuoni per la generazione di emulsioni o dispersioni. Si tratta di omogeneizzatori manuali per uso medico che riescono anche a frantumare il DNA in parti più piccole.

(3) Se allarghiamo lo sguardo oltre i confini nazionali, leader tedesco è la Bandelin (www.bandelin.com), specializzata anche nella produzione di omogeneizzatori di liquami per svolgere analisi ambientali.

(4) Hielscher (www.hielscher.com), altra azienda tedesca, produce dispositivi ad ultrasuoni per la omogeneizzazione di qualsiasi volume di liquido. Uno dei suoi punti di forza è l'offerta di strumenti da laboratorio ad ultrasuoni che possono essere utilizzati per volumi da 1,5 ml a ca. 2L. Non mancano nel suo catalogo dispositivi industriali che sono utilizzati per il processo di sviluppo e la produzione di quantità da 0,5 a circa 2000 L o portate da 0.1 L a 20m ³ all'ora.